Come imparare a risparmiare e raggiungere i tuoi obiettivi

|

È sempre una buona idea mettere da parte qualcosa per affrontare eventuali imprevisti. Oppure, per poterti concedere uno sfizio che richieda una spesa importante. Che sia un viaggio, una macchina nuova, un oggetto che hai sempre desiderato o un’esperienza che vorresti vivere, se sai come imparare a risparmiare puoi raggiungere i tuoi obiettivi. 

Certo, quando parliamo di progetti importanti, come l’acquisto di una casa, gli studi dei figli o un fondo previdenziale integrativo, serve una pianificazione più strutturata. Dunque, sviluppare buone abitudini di risparmio e acquisire la consapevolezza necessaria per scegliere gli strumenti finanziari adeguati è imprescindibile.

Tuttavia, fatichiamo tutti ad agire nel presente per sviluppare una strategia di risparmio che darà i suoi frutti più avanti nel tempo. È abbastanza normale. In particolare, quando abbiamo molti obiettivi finanziari da raggiungere, non è facile ponderare con coerenza, fare chiarezza e dare le giuste priorità.

L’aspetto fondamentale è quello di essere consapevoli delle proprie possibilità e di scegliere i prodotti finanziari adeguati a sostenere i nostri progetti di accantonamento.

Diversamente, il rischio di ritrovarci finanziariamente scoperti al momento opportuno è molto elevato.

Esistono diversi approcci efficaci per imparare a pianificare una gestione dei tuoi risparmi in linea con gli obiettivi desiderati. Dunque, se non sai da dove cominciare, puoi farlo da qui. Ma ricorda che il denaro è solo uno strumento, spetta a te scegliere quale approccio sia il più funzionale in base alla tua situazione.

Come imparare a risparmiare: inizia con un registro delle spese

Per imparare a risparmiare dovresti iniziare dal prendere coscienza dell’ammontare delle entrate e delle spese in uno specifico arco di tempo. Questo significa che non basta affidarti agli estratti conto della banca online, perché non sono in grado di disegnare un quadro accurato delle tue abitudini. 

Quindi, dedica del tempo alla contabilità personale e annota tutti gli accrediti e le somme in uscita. Registra anche le spese più piccole, come la colazione al bar, lo scontrino della farmacia o l’imprevisto. Non tralasciare nulla. Sembra maniacale ed è un’abitudine che potrà richiedere un minimo di assestamento, ma non mollare. 

Fin dai primi mesi in cui terrai i conti con precisione, avrai chiara la situazione. Scoprirai quali sono le tue spese fisse e quelle variabili, individuando eventuali sprechi a cui potresti rinunciare o comunque gestire meglio. Prenditi 5 minuti al giorno per mantenere aggiornato il tuo registro delle spese. È un piccolo gesto che ti cambia completamente la prospettiva nella gestione dei soldi.

Organizza il tuo budget

Il primo step è assodato. Adesso che hai chiaro il quadro della tua situazione finanziaria, sai bene a quanto ammontano le tue spese fisse mensili:

  • affitto di casa;
  • bollette;
  • rate del mutuo;
  • rientro prestiti, ecc.

Quelle sono cifre che hanno già la loro destinazione. Ciò che rimane delle tue entrate lo puoi suddividere tra le spese variabili, come alimentari, vestiario, cura della persona, vita sociale e accantonamento periodico dei risparmi in base ai tuoi obiettivi

C’è chi suggerisce di usare il metodo 50-20-30per imparare a risparmiare. Ovvero, consiste nel suddividere e destinare il tuo reddito in questo modo:

  • 50% per le spese essenziali (affitto e bollette, per esempio);
  • 30% per le spese variabili;
  • 20% per i risparmi o il pagamento dei debiti. 

Sono percentuali indicative e devi valutare, con un’attenta analisi, quanto possano variare nel momento in cui applichi questo metodo alle tue finanze. Tuttavia, a prescindere dalle cifre, è un approccio utile perché ti aiuta a sviluppare la giusta forma mentis. Scegliere di dedicare periodicamente una somma di denaro prestabilita a un fondo di risparmio ti permetterà di accumulare nel tempo le cifre utili in futuro. Serve un po’ di pazienza, ma è la strada giusta.

Come imparare a risparmiare soldi a breve termine

Se hai intenzione di comprare un nuovo computer, o di fare una vacanza speciale tra qualche mese, può essere d’aiuto ritrovarti un gruzzoletto dedicato all’obiettivo prefissato. Non fare affidamento sul barattolo con l’etichetta “vacanze”, in cui buttare dentro una moneta ogni tanto. È necessario essere metodici:

  • fissa un obiettivo – decidi per cosa vuoi risparmiare. In questo modo, saprai quanto dovrai mettere da parte e, di conseguenza, il tempo utile per raggiungere la cifra necessaria;
  • scegli quanto mettere da parte – che sia settimanale o mensile, stabilisci la cifra che andrai ad accantonare. Sai che in base alla somma che riuscirai a dedicare al raggiungimento dell’obiettivo, occorrerà un tempo specifico per raggiungerlo. Questo significa che, se con qualche sacrificio, riuscirai a mette da parte dei soldi in più, potrai ridurre l’attesa. Invece, se l’obiettivo ha una scadenza intrinseca, come potrebbe essere un’offerta speciale per una vacanza, saprai quanti soldi dovrai accantonare ogni mese per riuscire a coglierla;
  • tieni sotto controllo le cifre accantonate – è fondamentale per sapere a che punto sei del tuo percorso. Ma attenzione a non farti tentare. Se devi comprare qualcosa o ti servono fondi extra, evita di prelevare denaro da questo “salvadanaio”, altrimenti tutti i tuoi sforzi saranno inutili e vedrai l’obiettivo allontanarsi.

Qualora tu non abbia uno scopo di spesa specifico, ma volessi disporre di una cifra extra a fine anno, potresti provare il metodo delle 52 settimane. Vediamo come può aiutarti.

Come risparmiare un po’ alla volta con il metodo delle 52 settimane

Il metodo delle 52 settimane è strutturato secondo un sistema molto semplice. Consiste nel mettere da parte una cifra pari al numero progressivo della settimana:

  • 1 euro la prima settimana dell’anno;
  • 2 euro la seconda settimana;
  • 3 euro la terza settimana e così via.

Questo metodo è applicabile anche al contrario:

  • 52 euro la prima settimana;
  • 51 euro la seconda settimana;
  • 50 euro la terza settimana, ecc.

Alcune persone preferiscono questo metodo, perché offre la percezione di accantonare i risparmi in modo meno gravoso.
Invece, per un accantonamento più equilibrato, puoi fare un mix delle due tecniche precedenti:

  • 1 euro la prima settimana;
  • 52 euro la seconda settimana;
  • 2 euro la terza settimana;
  • 51 euro la quarta e così via.

In questo modo, entro metà anno avrai raggiunto anche metà della cifra finale, che ammonterà a 1378 euro. Queste tecniche sono utili quando vuoi creare un fondo per gli imprevisti e fatichi a mantenere i tuoi buoni propositi. Come vedi, ci sono molte piccole accortezze a cui non facciamo caso, o che tendiamo a procrastinare. Potrebbero aiutarti a risparmiare e a sviluppare abitudini positive.

Tuttavia, avere degli obiettivi, piccoli o grandi che siano, rende tutto più motivante e ti permette di imparare a risparmiare con facilità. Puoi smettere di lasciare i tuoi soldi in un calderone indistinto e iniziare a progettare il tuo futuro finanziario. Sì, anche se ora ti sembra impossibile.

Crea un fondo per i tuoi risparmi a lungo termine

Quando parliamo di progetti di vita più articolati e di sicurezza per il futuro, è il caso di affidarti a dei professionisti che possano consigliarti i prodotti finanziari più idonei. Tenere grosse cifre in casa, o sul conto corrente, non è sicuro e nemmeno conveniente.

Pensa che i soldi lasciati sul conto bancario sono esposti all’inflazione e alle spese applicate per la gestione dello stesso. In pratica, perdi una piccola parte del tuo potere d’acquisto ogni giorno che passa. Invece, se dai un nomespecifico ai tuoi soldi non solo mantieni alta la motivazione, ma orienti le tue scelte verso il prodotto finanziario migliore. Ovvero, quello che, nel tempo, potrà soddisfare le tue esigenze. 

Libretto di risparmio

Per iniziare ad accantonare i soldi puoi scegliere di aprire un libretto di risparmio. È uno strumento efficace e flessibile, che consente di mettere via dei soldi e non avere la tentazione di spenderli alla prima occasione.
Di solito, non presenta costi di gestione, bastano pochi documenti e un piccolo deposito per iniziare.

Il libretto può essere “libero”, per cui è possibile versare e prelevare liberamente il denaro quando vuoi. Oppure, può essere “vincolato”. In quest’ultimo caso, dovrai stabilire un tempo minimo durante il quale il denaro dovrà restare depositato. L’eventuale prelievo anticipato sarà dunque soggetto a delle commissioni. 

Tuttavia, nonostante sia facile da gestire, il libretto di risparmio offre rendimenti lordi prossimi allo zero. Dunque, va benissimo come forma di accantonamento, ma non è l’approccio giusto se vuoi valorizzare i tuoi risparmi.

Conto deposito

Il conto deposito è un particolare tipo di conto corrente con funzionalità ridotte ed è generalmente esente da spese. Permette di depositare denaro in banca e ricavarne gli interessi, che di solito sono più alti rispetto ai conti correnti tradizionali.

È utile per chi vuole mettere da parte i propri risparmi in totale sicurezza e approfittare dei tassi d’interesse più vantaggiosi. Ma non può essere visto come uno strumento finanziario che possa accrescere in modo efficace il valore dei soldi depositati. 

Imparare a risparmiare per il futuro: scegli un fondo pensionistico

Una delle maggiori preoccupazioni per il futuro è quella di garantirti il sostentamento e un tenore di vita dignitoso, anche quando smetterai di lavorare. Ecco perché molte persone decidono di affiancare una forma di previdenza complementare alla pensione obbligatoria. È una scelta lungimirante e puoi alimentarla sia con i versamenti mensili del TFR che attraverso accantonamenti aggiuntivi. 

Esistono diverse opzioni, tra cui puoi scegliere a seconda delle modalità d’investimento più consone alle tue esigenze e alla somma che puoi accantonare periodicamente. In questo articolo abbiamo approfondito l’argomento in modo esaustivo, dai un’occhiata e inizia a pensarci: pianificazione previdenziale, come vivere una pensione serena.

Aprire un fondo pensione presenta diversi vantaggi, a partire dalla flessibilità e continuità dei versamenti fino ai possibili benefici fiscali correlati alla tassazione. Vale davvero la pena imparare a risparmiare per far confluire il denaro in un contenitore che potrà rendere più sicuro il tuo futuro. 

Imparare a risparmiare i soldi per costruire un futuro più sereno

Riuscire a mettere da parte un po’ di soldi non dovrebbe obbligarti a rinunciare ai piaceri quotidiani della vita. Un passo alla volta, con coerenza e costanza, arriverai alla meta. Certo, servono spirito di sacrificio, lungimiranza e consapevolezza, ma se ti organizzi, definisci obiettivi chiari e pianifichi una gestione equilibrata nella ripartizione del budget disponibile, puoi farcela.

Essere motivati a mettere da parte una discreta somma è il primo passo per riuscire a risparmiare sia nel breve che nel lungo periodo. Ma è con il servizio finanziario più adatto alle tue esigenze che potrai pianificare con consapevolezza, nonché raggiungere i tuoi obiettivi rapidamente e in tutta sicurezza.

Dimentica l’idea del denaro nascosto sotto il materasso, sono tempi lontani. Oggi, esistono soluzioni più efficaci e alla portata di tutti. Contatta un professionista OVB e richiedi una consulenza personalizzata. Comincia oggi stesso a risparmiare e costruisci un futuro finanziario più solido e sereno per te e la tua famiglia.