Consumo critico: lo shopping sostenibile e consapevole

|

Due giovani donne che fanno shopping - Consumo critico e sostenibilità
Gli aspetti più importanti della sostenibilità e di un consumo critico

Tempo di lettura: circa 6 minuti

  • Se vuoi contribuire ad una maggiore sostenibilità, la prima cosa da fare è mettere in discussione i tuoi consumi. Spesso ci sono già molte cose nella nostra vita quotidiana che possiamo rendere più sostenibili per fare la differenza.
  • La tendenze di moda sempre più veloci, la carne a buon mercato e le merci di plastica sono un peso per la natura e alla lunga anche per il tuo portafoglio. Anche se i prezzi bassi a prima vista sembrano allettanti, a lungo andare non te la cavi con meno soldi, perché devi costantemente comprare di più.
  • Chi opta per una qualità migliore, condizioni di produzione eque e sostegno all'economia locale, riduce la propria impronta ecologica e fa attivamente qualcosa per la sostenibilità, l'equità sociale e in definitiva per il proprio benessere.
  • Accumulare troppo può essere un peso, quindi: fai acquisti consapevoli, informati e ripensa la tua dieta e il modo in cui ti rapporti a vestiti e altri oggetti.
  • Invece di spendere i tuoi soldi per ogni presunto affare e offerta speciale, risparmia per qualcosa di significativo, come ad esempio una vacanza con i tuoi cari, una bella esperienza o per la tua personale riserva per il futuro.

Offerte speciali senza fine - Black Friday, Cyber Monday & Co a novembre ci vengono proposte come imperdibili occasioni. Spesso è difficile limitarsi ad acquistare solo ciò di cui si ha veramente bisogno. Il consumo sostenibile è un bene non solo per l'ambiente, ma anche per il tuo benessere e, tra l'altro, rimangono più soldi per le cose veramente importanti.

Probabilmente c'è un piccolo o grande cacciatore di occasioni in tutti noi. Non possiamo nemmeno farne a meno: gli psicologi hanno scoperto che gli sconti e i prezzi speciali attivano il centro di ricompensa del cervello. Fortunatamente, il consumo sostenibile è sempre più presente nella nostra società. Commercio equo e solidale, biologico e minimalismo non sono più parole sconosciute e sempre più giovani fanno attenzione a ciò che comprano e consumano.

Come la società dell'usa e getta inquina il nostro ambiente

Il fatto è che le risorse della nostra terra sono limitate. Sempre più persone consumano in modo sempre crescente, sempre più velocemente - e il nostro ambiente ne sta chiaramente soffrendo. L'industria è in costante produzione, nel modo più veloce e a basso costo possibile, per soddisfare i bisogni della popolazione mondiale in aumento.

Campagne di ribassi e vendite flash finiscono per portare la merce al consumatore ancora più velocemente. Le cose comprate troppo in fretta che non servono a nessuno o i prodotti economici con una breve durata di vita finiscono nella spazzatura ancora più rapidamente. Un circolo vizioso!

Fast fashion, moda sempre più veloce

La “fast fashion” è la moda veloce - cioè abbigliamento di breve durata, prodotto nel modo più veloce ed economico possibile, che si può trovare già pronto nei negozi nel giro di pochi giorni non appena emerge una nuova tendenza. E poco tempo dopo segue la tendenza successiva - e con essa la collezione successiva.

I grandi marchi di moda e le aziende di fast fashion come Zara lanciano fino a 24 collezioni all'anno. L'abbigliamento sta diventando sempre più usa e getta.

Non sorprende quindi che l'impatto ambientale globale delle fabbriche in funzione 24 ore su 24 sia enorme. Il risultato: microplastiche e sostanze chimiche entrano nel ciclo dell'acqua.

Le singole parti e le materie prime per la produzione di abbigliamento sono importate da ogni dove, il progetto è da poco, viene prodotto nel paese meno caro possibile e poi esportato di nuovo nei paesi acquirenti. E il surplus invenduto va di nuovo nella spazzatura dopo pochissimo tempo, quando la successiva collezione fast fashion è proprio dietro l'angolo.

Le grandi catene tessili, in particolare, bruciano i vestiti in massa. Degli 80 miliardi di vestiti prodotti ogni anno, l'86% finisce nella spazzatura! Eppure ci vogliono decenni prima che i materiali si degradino.

La prossima volta che vuoi acquistare un vestito a buon mercato, assicurati in primo luogo di sapere come è arrivato in negozio: potrebbe provenire da lavoratori sottopagati in paesi del terzo mondo ed essere spedito in tutto il mondo solo per essere appeso allo scaffale a pochi euro.

Giovane donna che prova dei vestiti

Purtroppo, la produzione veloce avviene anche a spese della qualità: a causa delle materie prime a basso costo, i vestiti di solito non durano a lungo e presto devono essere sostituiti di nuovo. A lungo andare, non se ne esce davvero, perché si deve sempre comprare qualcosa di nuovo. È quindi meglio investire in capi buoni e di alta qualità, di cui si possa usufruire davvero.

Che cosa significa consumo critico?

Se vuoi vivere in modo sostenibile, non puoi evitare di esaminare il tuo comportamento di consumo e di acquisto. Consumare consapevolmente significa soprattutto comprare in modo più selettivo e tenere d'occhio le condizioni ecologiche e sociali di produzione dei prodotti.

Acquistando meno spesso e con più consapevolezza della qualità, porti a casa tua prodotti più durevoli. Inoltre, se ti prendi cura delle tue cose e le ripari invece di buttarle via, alla lunga risparmierai un bel po’ di soldi, nonostante i costi di acquisto maggiori.

Il consumo sostenibile comprende anche un'alimentazione consapevole. È importante esaminare la produzione del nostro cibo e adattare di conseguenza i propri consumi. Sostenere i produttori locali e l'agricoltura biologica porta non solo sostenibilità, ma anche salute!

Due giovani donne che fanno shopping

Un consumo critico e sostenibile riduce i rifiuti e l'inquinamento del nostro ambiente. Una gran parte dei resi dei rivenditori online viene ancora semplicemente distrutta - perché è più economico che rigenerare e riconfezionare la merce.

Anche gli stock o le vecchie collezioni vengono regolarmente gettati via, sia nella vendita al dettaglio tradizionale che in quella online. Troppo poco spazio di magazzino, tendenze troppo veloci e il costante rifornimento di nuove collezioni costringono i rivenditori a far andare letteralmente in fumo merce nuova di zecca.

Chi consuma più consapevolmente (e quindi meno) non sta solo facendo qualcosa per l'ambiente, ma anche per sé. Le persone che apprezzano la sostenibilità e il consumo critico vivono una vita più sana, sono più felici e si portano dietro meno zavorre.

Vivere e consumare in modo più sostenibile

Per fermare le cattive condizioni di produzione, l'inquinamento ambientaleecc. sono necessari migliori regolamenti e linee guida per l'industria a lungo termine. Ma anche in un piccolo ambiente, tu come consumatore puoi fare una grande differenza cambiando solo alcune cose. Con il consumo sostenibile, dai il tuo contributo personale per far succedere finalmente qualcosa.

Scambi di abiti, vestiti di seconda mano e riciclo: perché non andare a fare shopping in un mercatino dell’usato e dare una nuova casa a vecchi tesori? Ci sono anche numerose piattaforme su internet per comprare articoli usati ma ancora buoni.

Quando si fa shopping, è opportuno concentrarsi sulla qualità e sostenere i marchi che producono consapevolmente in modo sostenibile. Che si tratti di materiali riciclati, cotone biologico o Fairtrade - chi sceglie consapevolmente prodotti dal valore ecologico e sociale, contribuisce attivamente a migliorare la situazione.

Esistono vari simboli ed etichette progettati per aiutare i consumatori a identificare i prodotti equi e sostenibili.

Fai attenzione quando compri del cibo: la maggior parte dei prodotti al supermercato non ha nulla a che fare con idilliaci pascoli di mucche e orti rigogliosi. La carne in particolare è spesso prodotta a basso costo nelle peggiori condizioni e importata.

E sapevi che gran parte dei succhi d'arancia disponibili provengono da concentrati importati dal Sud America - da monocolture dannose per l'ambiente che impiegano lavoratori a basso salario?

Famiglia che fa la spesa al supermercato

La cosa peggiore è che circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo finisce nella spazzatura ogni anno in tutto il mondo. È ben un terzo del cibo prodotto! Meglio pianificare il proprio fabbisogno alimentare con sufficiente anticipo e non comprare troppo.

Come ridurre l’accumulo di oggetti

Nel corso degli anni, raccogliamo una moltitudine di cose di cui non abbiamo veramente bisogno. Per caso conosci la sensazione quando quello che hai accumulato in casa sembra più una zavorra che una gioia?

Spesso è liberatorio fare semplicemente pulizia e cedere tutto ciò che non serve più. Dopodiché, fai attenzione ai tuoi consumi - e non solo in fatto di moda.

La tendenza minimalista

La crescente tendenza verso il minimalismo mostra anche quanto possa essere liberatoria una casa ordinata e ben pensata. Che si tratti di Marie Kondo o Capsule Wardrobe, non mancano consigli e spunti. Meno cose, ma di migliore qualità!

Naturalmente, una pulizia una tantum non è sufficiente. Il consumo sostenibile a lungo termine è quello che più conta. Che si tratti di moda, oggetti di arredo, elettrodomestici o giocattoli, la maggior parte dei consumatori ha in casa molto più di quello che può usare.

Se fai a meno degli oggetti superflui e compri solo ciò di cui hai davvero bisogno, non solo vivrai una vita più rilassata, ma troverai anche molto più facile riordinare, viaggiare e cambiare casa.   

Consigli per un consumo critico

Cosa significa questo in vista del prossimo Black Friday? Naturalmente si può fare shopping senza bisogno di privarsene completamente. Con questi consigli andrai a caccia di occasioni con un atteggiamento consapevole.

  • Meno è di più. È la qualità che conta, non la quantità! Quando compri nuovi vestiti o altre cose, scegli prodotti durevoli e di qualità. Questo non solo ti renderà più sostenibile, ma ti farà risparmiare denaro a lungo termine, perché non dovrai comprare sempre tutto nuovo.
  • Pensa prima a ciò di cui hai davvero bisogno. Comprare qualcosa solo perché è scontato non ha senso e a lungo andare non dà nessuna gioia.
  • Gli acquisti spontanei sono così allettanti perché il sistema di ricompensa del nostro cervello preferisce essere attivato immediatamente e subito. Cosa aiuta: dormirci sopra, o almeno fare un piccolo giro dell'isolato. Spesso ti renderai conto che dopo tutto non hai forse bisogno di quella nuova maglietta o di quel candelabro di lusso.
  • Quando compri del cibo, non comprare più di quello che puoi consumare. Inoltre, scegli prodotti stagionali e locali e cibo biologico. Oltre ad essere più sani hanno un sapore migliore!
  • Il legno, il cotone e altri materiali naturali sono meglio della plastica, sia nei giocattoli che nelle attrezzature da cucina o nell'abbigliamento.
  • Scegli l'intramontabile invece delle tendenze di breve durata. Soprattutto quando si tratta di moda e arredamento, le ultime tendenze cambiano rapidamente.
  • Slow fashion invece di fast fashion! Supporta i produttori sostenibili, i produttori equi e l'economia locale. Forse esistono tessuti realizzati localmente? O altri prodotti di aziende locali?

Numerosi studi mostrano che sempre più giovani si stanno orientando verso un consumo critico e sostenibile. La domanda dei consumatori per prodotti non confezionati, cosmetici senza microplastiche, cibo senza inquinanti e moda equa è in aumento.

Un altro aspetto positivo è che non stai facendo solo qualcosa per una maggiore equità e sostenibilità, ma puoi anche usare il tuo denaro in modo più consapevole e sensato per qualcos’altro, per esempio passando del tempo con gli amici e la famiglia.

Inoltre è sempre una buona idea mettere da parte dei risparmi per la pensione e di riserve per il futuro. Oppure puoi investire i soldi che hai saggiamente risparmiato in modo da poter realizzare un giorno un desiderio più grande.

Hai bisogno di aiuto per investire il tuo denaro nel modo giusto e risparmiare per il futuro?

Un consulente sarà lieto di aiutarti a valutare le migliori opzioni di scelta per un futuro di sicurezza e tranquillità.

Leggila anche tu:

Donne e finanze: come gestire previdenza pensionistica & Co.

| OVB Consulenza Patrimoniale srl

Donne e finanze: la giusta previdenza pensionistica e la strada verso l’indipendenza economica

In fatto di parità di genere, negli ultimi secoli sono stati compiuti numerosi passi avanti. Soltanto nel campo delle finanze l’emancipazione non è stata ancora pienamente raggiunta: sono ancora gli uomini a occuparsi prevalentemente di finanze e previdenza pensionistica. Le donne devono diventare più indipendenti sul piano finanziario per essere ben coperte anche in futuro e scongiurare la povertà durante la vecchiaia.

Matrimonio e finanze: quali aspetti devo considerare?

| OVB Consulenza Patrimoniale srl

Matrimonio e finanze: quali aspetti devo considerare dopo il matrimonio?

Un matrimonio porta con sé molti cambiamenti, anche sotto il profilo finanziario. Per poterti godere il più bel giorno della tua vita nel più completo relax, dovresti già pensare prima alle vostre finanze e prendere altre decisioni importanti. Ciò riguarda, oltre al finanziamento della festa nuziale, soprattutto le vostre tasse, il vostro patrimonio, le polizze in comune e la previdenza per il futuro.