Quanto tenere sul conto corrente per gestire al meglio i tuoi soldi?

|

Se ti stai ponendo questa domanda, sappi che sei già più avanti della maggior parte delle persone. Quanto tenere sul conto corrente? Nonostante la propensione al risparmio, noi italiani fatichiamo a sviluppare l’attitudine alla pianificazione. Certo, non è una statistica ferrea, dedotta da un calcolo algebrico, ma è una frequente evidenza empirica. E così, a quanto pare, i soldi finiscono in un unico indistinto calderone: il conto in banca.

È corretto che stiano tutti lì?

Più soldi hai nel tuo conto corrente, meglio è, giusto? Non proprio. Se da una parte è uno strumento finanziario che ti aiuta a semplificare il pagamento delle bollette e la gestione delle spese, dall’altra non è affatto una soluzione conveniente. Non ti permette di pianificare nel modo corretto, espone il tuo potere d’acquisto all’erosione dell’inflazione e presenta dei costi che potresti evitare.

Dunque, dovresti chiudere il conto corrente? No, ti serve. Quello che dovresti fare è definire quanti soldi tenere in banca e quali altre azioni intraprendere per tutelare i tuoi risparmi. Trovare il giusto equilibrio è la chiave. Si può fare

Interessi e spese: calcolare quanto tenere sul conto corrente

Ti hanno insegnato che risparmiare è la cosa migliore da fare. E allora perché c’è bisogno di calcolare quanta liquidità tenere sul tuo conto corrente?

Il motivo è molto semplice, ed è matematico. Al giorno d’oggi la maggior parte dei conti offre interessi molto bassi, se non nulli, per i soldi depositati. Inoltre, se la cifra è superiore a 5.000,00 euro, la banca applica l’imposta di bollo annuale che, per quanto non sia elevata, è comunque da considerare. Dunque, se lasci i soldi sul conto, senza mai toccarli, e vai a vedere quanti ne hai tra qualche anno, scopriresti di averci rimesso.

Insomma, pensavi che avere molta liquidità sul tuo conto corrente fosse il modo più sicuro per disporre del tuo patrimonio, invece in questo modo lo trovi esposto a diversi rischi:

  • non rende nulla e viene meno alla sua prima utilità. I soldi non sono fatti per essere accumulati, ma per circolare e creare nuova ricchezza per i tuoi progetti futuri;
  • viene lentamente consumato dalle imposte e dalle numerose spese di gestione;
  • perde valore, per via dell’inflazione dovuta al progressivo aumento dei prezzi, cosa che non accadrebbe se venisse investito;
  • non è completamente al sicuro, poiché nel caso in cui l’istituto bancario dovesse fallire, i depositi sono garantiti solamente fino a 100.000,00€. Ergo, se hai una somma più alta sul conto, potresti perdere tutta l’eccedenza;
  • vulnerabile a possibili frodi che potresti subire o al furto della carta collegata al conto corrente. Va da sé che maggiore è la somma, più alto è il rischio.

Illustrati quali siano i rischi nel depositare troppi soldi sul conto corrente, resta un fatto innegabile: una certa liquidità disponibile subito è necessaria, per far fronte alle spese di tutti i giorni e anche a quelle impreviste.

Gestione dei risparmi: quanti soldi devi tenere in banca

Per calcolare quanto tenere sul conto corrente dovresti calcolare il budget di cui tu e la tua famiglia potreste avere bisogno in un orizzonte temporale breve. Diciamo, sei mesi o al massimo un anno.

Per individuare questa cifra, come prima cosa avrai bisogno di dividere i tuoi bisogni economici in 3 gruppi principali:

  • costi fissi, ovvero tutte le spese che hai ogni mese, come l’affitto o il mutuo, le bollette, l’abbonamento del telefono, ecc.;
  • spese variabili che si ripetono con una cadenza piuttosto regolare, come ad esempio la spesa per la casa, l’acquisto di abbigliamento, ma anche i viaggi e le vacanze;
  • fondo per le emergenze, ossia una cifra che sia disponibile sul tuo conto nel caso in cui dovessi affrontare un imprevisto, che richieda la disponibilità immediata di denaro. Una cifra pari a 2 dei tuoi stipendi potrebbe già bastare.

Sommando le cifre che hai ottenuto per questi tre tipi di spesa ogni mese, puoi avere un’idea più precisa di quanti soldi devi tenere sul conto corrente.

Dove tenere i tuoi soldi, se non nel conto corrente?

Ora sai quanti e quali sono i rischi che potresti correre conservando una cifra troppo alta in banca. E sai quali fattori considerare nel calcolo della cifra più adeguata da tenere sul tuo conto corrente. E ora? Cosa dovresti fare con i soldi non destinati alla banca?

Di sicuro, non dovresti nasconderli nel materasso. La scelta migliore che potresti fare per i tuoi risparmi è destinarli a uno o più strumenti finanziari adeguati, come un buon fondo di investimento. Il motivo principale è molto semplice: l’imposta di bollo sui prodotti finanziari è solamente del 2 per mille, a fronte di una resa molto maggiore rispetto al conto corrente (che, di solito, ha una rendita pari a zero).

I risparmi che hai accumulato con fatica in anni di lavoro dovrebbero permetterti di realizzare i tuoi progetti futuri. Ad esempio, l’acquisto di una casa o di un’auto, sostenere gli studi dei figli, oppure consentirti di costruire una pensione più serena. Investirli in base ai tuoi progetti è il modo giusto per valorizzarli al meglio, evitando che siano invece consumati lentamente sul conto corrente.

Il motivo per cui moltissime persone temono gli investimenti, e tendono invece ad avere troppi soldi sul proprio conto corrente, è l’errata sensazione di sottoporre il proprio patrimonio a un rischio maggiore. Oltre a pensare di non poterne disporre a proprio piacimento quando lo vogliano.

In realtà, queste convinzioni si basano su luoghi comuni e pregiudizi. Sicuramente investire i propri soldi espone a dei rischi, ma grazie a una pianificazione finanziaria attenta è possibile minimizzarli. L’assenza di criticità nella gestione dei soldi non esiste: è sempre una questione di valutare quale sia la tua propensione al rischio. L’importante è diversificare e scegliere strumenti finanziari adeguati ai tuoi obiettivi, meglio se a medio e/o lungo termine.

Anche l’idea di non avere la possibilità di disporre dei propri soldi non è corretta: esistono strumenti finanziari che possono permettere di svincolare una somma dal proprio investimento, nel caso in cui se ne presenti il bisogno. Per questo motivo è importante affidarsi sempre a degli esperti consulenti finanziari, che possano aiutarti a fare scelte efficaci in base alle tue necessità.

Dunque, esistono diverse opzioni di investimento, tra cui puoi scegliere. Tutto dipende da quali siano gli scopi da raggiungere. Ad esempio, puoi optare per una forma di previdenza complementare che ti garantisca un futuro più agiato e una polizza vita per tutelare il futuro della tua famiglia.

Pianifica quanto tenere sul conto corrente

Gestire i tuoi risparmi è più semplice di quanto pensi. Se sai come risparmiare e quanto tenere sul conto corrente, puoi gestire meglio il tuo patrimonio e valorizzarlo. Dunque, una certa liquidità in banca è indispensabile per affrontare le spese fisse mensili, quelle variabili e le possibili emergenze, ma non è un’opzione saggia lasciare sul conto bancario somme troppo elevate. Come hai visto ti espone all’inflazione e altri rischi, come la lenta erosione del capitale dovuta a tasse e spese di gestione.

Stabilito l’importo da tenere sul conto corrente, per quanto riguarda il resto dei tuoi risparmi definisci dei progetti a cui destinarli. In questo modo, puoi scegliere gli strumenti finanziari idonei a gestirli. Tuttavia, sappiamo che la consapevolezza non basta. È difficile anche trovare il tempo per fermarsi a riflettere, capire come muoversi e scegliere a chi affidarsi.

Dunque, se non hai esperienza di pianificazione finanziaria e non sai da dove iniziare, puoi rivolgerti a un esperto che sappia come indirizzarti verso i prodotti più adatti alle tue esigenze. Se hai deciso di prenderti cura dei tuoi risparmi, puoi fissare un colloquio con uno dei nostri consulenti finanziari. Raccontaci quali sono i tuoi progetti e le tue necessità.

Insieme possiamo tutelare il tuo patrimonio, valorizzarlo per raggiungere gli obiettivi che desideri e pianificare un futuro finanziario più sicuro e sereno.

Contatta ora uno dei nostri consulenti.

Leggila anche tu:

| OVB Consulenza Patrimoniale srl

Assicurazione sulla vita: come funziona e perché dovresti farla

Sottoscrivere un’assicurazione sulla vita è un passo importate. Mostra consapevolezza e lungimiranza. Certo, non è mai semplice proiettarsi in un futuro in cui ipotizzare scenari avversi o le possibili conseguenze della propria dipartita, ma è un gesto responsabile anche nei confronti dei tuoi cari. Tuteli il loro futuro pianificando il sostegno finanziario di cui potrebbero aver bisogno nel momento in cui non potranno più contare sulla tua presenza.

| OVB Consulenza Patrimoniale srl

Investimenti per i figli: quali strumenti dovresti scegliere?

Spetta ai genitori pensare agli investimenti per i figli e ad agire per costruire quelle che saranno le basi di un futuro economico più solido e sereno. Già a partire dai primi anni di vita è possibile pianificare e sviluppare delle strategie di risparmio per i giovani. Tuttavia, ti trovi davanti a una sovrabbondanza sconcertante di strumenti finanziari, oltre a professionisti e società che li commercializzano a vario titolo. Scegliere è complesso. Approfondiamo insieme.